CamperOnLine.it Home Page Benvenuto!   Welcome!
Bienvenue!   Willkommen!
Camping Sport Magenta
Mapa
SostaGruppiCompagniItaliaEsteroMarchiMeccanicaCellulaAccessoriEventiLeggiComportamentiDisabiliIn camper perAltro camperAltroExtra
:: ::

Webasto Thermo top C

 Nuovo argomento     Rispondi all'argomento
 Segnala un abuso     Stampa
 CamperOnSale.it 
Attenzione: La parte iniziale di questa discussione é stata spostata in archivio.
Autore  Topic 
Pagina: di 4

vespucci
Iscritto 22 Ott 04
Oltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggi

Inserito - 12/04/2016 :  23:06:33  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Buonasera, dovendo fare una prova con un webasto thermo top c, sono qui a chiedervi qualche consiglio quello che ho avuto ha una connessione con 4 fili di cui due piu spessi sui 2,5 mm che vengono dalla presa X2 l'azzurro dal punto 1 che sembra un positivo e un giallo verde dal punto due che dovrebbe essere negativo  poi dalla presa X1 ho un filo bianco che viene dal punto 2 un filo giallo che viene dal punto 5 probabilmente unito con un filo giallo verde che va alla pompa e un filo marrone dal punto 6 che va direttamente alla pompa

potete cortesemente darmi una mano a collegarlo per farlo provarlo

grazie  
cia romeo

inserisco un mio orrendo disegno esplicativo ed un immagine


 

 
I messaggi iniziali di questa discussione sono stati archiviati. Se vuoi consultarli clicca qui.

AlexF81
Iscritto 2 Nov 16
Meno di 50 messaggi

inviati - 03/01/2017 :  09:33:35  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Buongiorno 
Ho ascoltato il consiglio di Enzo e mi sono deciso a modificare tutto... tolto il riscaldatore canalizzabile che provocava solamente rumore e consumo di corrente... non serve a niente. .. perlomeno nel mio caso... la temperatura anche con 10 gradi fuori non saliva... solo continui arresti e partenze del TT. Ora ho montato 5 radiatori della Fiat Cinquecento con 6 ventole pc da 120mm... in bagno ho cannibalizzato quello del Tenere... totale 6 scambiatori 4 nella cellula,1 nel garage e 1 in bagno... il TT parte e praticamente non ferma mai... con temperature esterne intorno ai 4-5 gradi raramente modula per poi tornare al massimo fino all'intervento del termostato! 
Domenica sera intorno alle 22, per provare l'affidabilità, ho impostato il termostato a 10 gradi ( temperatura estarna prossima allo 0) e l'ho lasciato acceso fino a lunedì alle 16.30( 16.5 ore).. Anche la batteria che segnava all'inizio del test 13.2v alla fine della prova segnava 12.6v.. spettacolo! 
Ha mantenuto la temperatura impostata...
A breve lo metterò alla prova in montagna e saprò dirvi di più! !
Torna in cima alla pagina

enzo44
Iscritto 13 Dic 09
Oltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggi

Rating:rating
inviati - 03/01/2017 :  10:40:19  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Ciao, hai fatto una modifica drastica, sicuramente ne sarai soddisfatto, sei radiatori non sono pochi...la distribuzione del calore sarà ottimale, il Webasto che si spegne raramente ne è la prova,  la caduta di tensione di solo 0,6 V per 15 ore di funzionamento continuo non è male, non hai però specificato la capacità complessiva della/e bs, come ho piu' volte detto, il sistema radiatori/ventole da computer, è molto valido per il riscaldamento camper, bassi consumi e massimo confort, certo il lavoro non è poco ma è semplice, alla fine dei giochi è anche molto ma molto economico rispetto agli altri sistemi, ovviamente mi riferisco a riscaldatori e radiatori di recupero, spesso nuovi, tienici aggiornati dopo le prove in montagna. Un saluto Enzo
Torna in cima alla pagina

AlexF81
Iscritto 2 Nov 16
Meno di 50 messaggi

inviati - 03/01/2017 :  11:48:08  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Ciao Enzo 
La BS è da 100ah. . Considera che chiaramente non sono sempre stato nel camper a verificare il funzionamento. .. ho solo verificato che il set point della temperatura fosse mantenuto...
Ti allego un'immagine per capire come è composto l'impianto!
 
Torna in cima alla pagina

AlexF81
Iscritto 2 Nov 16
Meno di 50 messaggi

inviati - 03/01/2017 :  20:39:39  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Avrei una idea da condividere:
Qualcuno che ha adottato il sistema thermo top con radiatori e ventole pc, ha provato a inserire 2 ventole, una sopra all'altra per aumentare il flusso d'aria? 
Potrebbe aumentare il rendimento... magari accendendo all'occorrenza una o entrambe si potrebbe creare una sorta di doppia velocità!
Il consumo di corrente aumenterebbe senza dubbio... si potrebbe creare una funzione "eco" e una funzione "boost"!
Che ne pensate?
Torna in cima alla pagina

enzo44
Iscritto 13 Dic 09
Oltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggi

Rating:rating
inviati - 03/01/2017 :  22:56:45  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Ciao, hai posato un bel pò di metri di tubi, sicuramente non sei riuscito a chiudere l'anello, forse in prossimità dell'ingresso, che ti avrebbe risparmiato un pò di lavoro, l'idea della doppia ventola non è da scartare, sul mio mezzo, su due radiatori, ne ho installate due affiancate per aumentare la portata in dinette, la velocità la gestisco con un regolatore elettronico con il vantaggio di variare il flusso d'aria in modo continuo, chiaramente con temperatura bassa la velocità sarà piu' alta e viceversa. Un saluto Enzo
Torna in cima alla pagina

Bob Plissken
Iscritto 20 Nov 13
Più di 500 messaggiPiù di 500 messaggiPiù di 500 messaggi

inviati - 03/01/2017 :  23:46:01  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Alex, credo che mettendole in serie la ventola inferiore andrebbe in cavitazione, molto rumore e pochissima spinta.
Piuttosto, si potrebbe scegliere per bene la ventola, non sono mica tutte uguali: in questo negozio ne trovi oggi "solo" 276 diverse, da 25 a 140mm di diametro, da 74dB di rumore a 12dB di silenzio, da 5 a 400m3/h di portata, da 2 a 58€ l'una.

Per la regolazione elettronica della velocità, assicuro che si può fare... sul come, vi aggiorno presto.


 
Roberto
Laika Kreos 3002 (35C17-2005)
Torna in cima alla pagina

AlexF81
Iscritto 2 Nov 16
Meno di 50 messaggi

inviati - 04/01/2017 :  07:52:20  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Si Enzo  effettivamente se avessi potuto chiudere l'anello sarebbe stato sicuramente meglio.
 
Avevo visionato diverse tipologie di ventole... effettivamente c'è ne sono svariati modelli con portata differente... il problema  è il rumore... Ho scelto la Artic F12 poiché sembrava un ottimo compromesso.  Effettivamente presa singola ha una discreta portata e basso rumore... però con 4 di queste il ronzio si sente credo dato più dall'aria che sbatte nelle alette del radiatore che dal moto della ventola. Senza nulla davanti è impercettibile! 
Quello che ci vorrebbe è un termoregolatore pwm... un dispositivo che gestisca un set point e aumenti la velocità delle ventole in base alla distanza della temperatura impostata in maniera autonoma ( come fa il ventilatore della Truma).. un po quello che avviene nei case dei pc ma in maniera inversa... in questo modo si potrebbe pensare anche a qualcosa con più portata e magari di più rumoroso. Con l'impianto in mantenimento le ventole magari andrebbero ad un giusto compromesso portata/rumore!
Conoscete un sito dove comprare un apparecchio del genere?
 
Torna in cima alla pagina

enzo44
Iscritto 13 Dic 09
Oltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggiOltre 2000 messaggi

Rating:rating
inviati - 04/01/2017 :  09:48:35  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Ciao, aspetta l'aggiornamento di Roberto, vedrai che si può fare.. condivido la scelta delle F 12 sono un ottimo compromesso dal costo veramente basso, il rumore spesso è causato dal passaggio dell'aria nel radiatore, il problema è particolarmente evidente in quelli con le alette fitte, sono da preferire i radiatori a "nido d'ape" di derivazione motociclistica, il flusso dell'aria passa facilmente, sono sicuramente piu' affidabili, le calottenon sono di plastica, ma di alluminio saldate. Un saluto Enzo
Torna in cima alla pagina

Nippon K
Iscritto 4 Ott 15
Più di 100 messaggiPiù di 100 messaggi

inviati - 04/01/2017 :  09:49:56  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Ciao a tutti, sto montando anche io il thermo top e sto impazzendo a trovare il tubo flessibile in acciaio x fare la prolunga della marmitta. Qlkuno sa darmi delle indicazioni precise su cosa e dove cercarlo. Ho chiesto a 2 rifornito grossi di Varese, 1 di idraulica e l'altro x caldaie e accessori, ma ho trovato solo tubi flessibili e allungabili fino a 40cm (raccordati) o tubi da 5mt 
Grazie
Emiliano
Torna in cima alla pagina

Bob Plissken
Iscritto 20 Nov 13
Più di 500 messaggiPiù di 500 messaggiPiù di 500 messaggi

inviati - 04/01/2017 :  11:17:54  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Alex, ripropongo al volo un mio post su altro thread del forum (aggiornamenti in corsivo)

Il funzionamento confortevole del riscaldatore ausiliario è un mio pallino da tempo. Prima ho migliorato l'impianto realizzato dal precedente proprietario del mio mezzo, che ha montato una linea di due termostati (minima e massima) per tenere una temperatura abbastanza costante. Ma, anche con alcune modifiche, non sono soddisfatto: al minimo abbassamento di temperatura parte un violento getto d'aria rovente che lessa le gambe dei miei piccoli seduti dietro.

Allora? Da buon smanettatore e appassionato di Arduino, sono passato ad una soluzione più complessa. 
Per migliorare il confort, ho progettato e costruito una scheda elettronica programmabile che legge le temperature ambiente e acqua motore, modulando progressivamente la velocità ventola in funzione delle stesse. Per capirci, la ventola è ferma con acqua fredda (sotto i 30°C), poi inizia a girare al minimo della velocità (15% circa della velocità nominale, almeno sul mio camper, ma sto ancora sperimentando) fino a che l'acqua radiatore è freddina. All'aumentare della temperatura acqua, la ventola aumenta velocità per gradi fino al massimo con acqua calda (>60°C) e temperatura cellula distante da quella impostata (>3°C), per poi rallentare fino al minimo in proporzione alla differenza di temperatura. Oltretutto, così ne guadagna davvero tanto anche la silenziosità e, ovviamente, raggiunta la temperatura si ferma e riparte solo quando in cellula ci sono 0,5°C in meno di quelli impostati.

Nella versione più semplice, diciamo solo per l'uso in viaggio, impostando la temperatura desiderata in modo stabile con degli interruttorini (DIP switch), potrei pensare di pre-cablarlo sugli stessi connettori esistenti, in modo da fare un'installazione davvero semplice, escluso purtroppo il sensore di temperatura ambiente (tre fili, potrei ridurli a due) che va collocato in posizione centrale della cellula e comunque non vicino al radiatore.

Giusto per capirci, il prototipo della versione "full" è questa

(con due correzioni in bella vista)

e la mia installazione a bordo è composta da
 



Come molti avranno notato, la scheda è montata su uno stampato (PCB) 75x75mm che ho disegnato e fatto costruire, per una buona robustezza. 
Per la brutta soluzione morsetti + cavo ethernet con fili volanti, quello della foto è solo un prototipo e serve per poter avere display+encoder che inizialmente non erano previsti (o meglio, non lo era l'encoder). L'accoppiata serve per poter variare velocemente la temperatura in un sistema Webasto + radiatori in uso stanziale, ed è pensato per un amico di altra parte del forum

Per l'amico (OMISSIS), se ti interessa  basta che mi contatti (anche in privato, se vuoi) e ne parliamo. Sottolineo che per me è un hobby e assolutamente non un business, ma potrei pensare a una piccola "produzione" configurata a richiesta, che farei in amicizia e chiedendo il minimo per rientrare delle spese. Per essere più efficace, mi servirebbe un piccolo aiuto sul cablaggio originale del radiatore ausiliario, mi basta qualche foto. 

Parlando di sistemi più evoluti, già adesso con l'attuale scheda posso controllare in velocità due ventole separate con diversi sensori temperatura, potrei arrivare ad un controllo bizona se necessario. Voglio anche inserire un relè da 10A nella prossima versione, pensato per l'accensione Webasto, anche se ho diversi piedini liberi e un modulo relè separato costa meno di 2€. (in realtà poi ho pure inserito in progetto un transistor per controllare direttamente un relè a 12V)
Per i più smanettoni, il circuito nasce con la possibilità integrata di comando via seriale (RS485) ma non ho ancora messo mano al relativo software  (MODBUS, probabilmente). I moduli esterni display + encoder costano poco (meno di 10€, un pò di più per soluzioni più esotiche tipo OLED), ma sono sette fili e a breve distanza. E' anche vero che sono arrivato a 2,5 metri di cavo senza problemi, magari regge il doppio ma siamo fuori specifiche I2C, e poi rimane il problema di realizzare il posto dove fissarli. Con l'ottavo filo potrei far andare una sonda di temperatura... Ah, però la scatola la allestite voi!

Se qualcuno fosse interessato devo aggiungere una ulteriore premessa:  compro molte cose dalla Cina e ci vogliono oltre 40 giorni per diversi componenti. 
Ovviamente non ho praticamente scorte, quindi costi molto bassi, ma tempi lunghi e niente fretta...
Roberto
Laika Kreos 3002 (35C17-2005)
Torna in cima alla pagina

AlexF81
Iscritto 2 Nov 16
Meno di 50 messaggi

inviati - 04/01/2017 :  18:44:17  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Innanzitutto ringrazio Roberto per avermi illustrato i suoi progetti interessantissimi!
Avevo però lanciato delle idee un po' troppo frettolosamente. ..
Mi è venuto il dubbio che gestire un TT che di per se non ha una combustione proporzionale(lavora con 2 soglie) con un sistema che "rallenterebbe" la dissipazione del calore potrebbe creare numerosi start&stop del webasto. ... cosa che non è consigliabile e che non voglio...
Se adesso riesco ad avere partenze "lontane" ,dovrei partire da questa situazione è casomai aumentare la portata delle ventole per poi arrivare alla situazione attuale quando la temperatura si avvicina al set point.
Forse dovrei aumentare le ventole e  disattivarne alcune in prossimita della temperatura impostata...
??
Torna in cima alla pagina

Bob Plissken
Iscritto 20 Nov 13
Più di 500 messaggiPiù di 500 messaggiPiù di 500 messaggi

inviati - 04/01/2017 :  19:54:26  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Rispondo al dubbio andando a prendere un estratto del manuale di officina:

3.1.2 Heating Operation
Fuel
When the temperature rises to reach 72° C the heater
switches to the energy saving part load operation. A rise
in temperature up to 76.5° C causes the heater to enter a
control idle period. This also happens when exceeding a
total heating operating time of 76 minutes.
After cool-down of the coolant to 71° C the heater
resumes part load operation. Another rise in temperature
to 76.5° C causes the heater to enter again the control idle
period. A drop in the coolant temperature during part load
operation due to an increased demand in heat will cause
the heater to switch to full load operation at 56° C.
Diesel
Heating operation for the Diesel type heater is identical in
the sequence of events. Should the coolant temperature
drop during the control idle period to but not below 71° C
within 900 seconds, a subsequent drop in the coolant
temperature below 71° C causes the heater to perform a
regular starting sequence into full load operation.
A drop in the coolant temperature during part load
operation due to an increased demand in heat will cause
the heater to switch to full load operation at 65° C.


In pratica fino a 72°C funziona a piena potenza, poi scende a mezza potenza fino a 76,5°C e infine si spegne - e si spegne pure dopo 76 minuti di lavoro.
Nel progetto la temperatura del liquido dovrebbe scendere, ma non sotto i 71°C per almeno 900 secondi (15 minuti). Se la temperatura va sotto i 71°C,  riparte con tutta la sequenza di accensione (parte in giallo) e infine, se la temperatura del liquido scende sotto i 65°C nel funzionamento a metà regime, riprende a piena potenza.

Nota: penso di aver afferrato, ma se avessi capito male la parte inglese (che trovo contorta), correggetemi!

Ri-tradotto, ma qui aspetto Enzo44, vuol dire che lavora a mezza potenza solo fra 72°C -> 76°C e fra 76°C-> 65°C, e per me risulta molto difficile tenere il sistema in equilibrio in un range così ristretto come credo lo sarebbe per chiunque... non so quale sia il criterio progettuale di queste soglie, a me sfugge al momento.

Però usiamo la logica: se il tuo impianto con ventilatori a palla è in grado di disperdere più di 5kW, il Web gira a bomba e non riesce nemmeno a far salire la temperatura dell'acqua, e proprio per questo le ventole rallentano sotto i 60°C. Avvicinandoci a meno di 3°C dalla temperatura ambiente selezionata, le ventole iniziano a rallentare per migliorare il confort e si ridurrà la capacità di dispersione del calore, quindi aumenterà la temperatura dell'acqua fino ai fatidici 72°C. Se ci dice bene, 2,5kW è proprio quello che ci serve per tenere in temperatura il mezzo (gran freddo esterno, direi!) e allora si bilancia il tutto, ma se serve meno calore inesorabilmente l'acqua supererà i 76°C e il Webasto si spegnerà.

Quindi molto dipende dalla richiesta di calore e quindi dalla temperatura esterna, ma c'è un'altra variabile: quello che dirò di fare al software, su cui rivendico il pieno controllo laugh.
Allora, ad esempio,  potrò :
  • eliminare il delta di 0,5°C che ho programmato per il mio scopo;
  • tenere un soffio d'aria (ventole al minimo) fino a uno/due gradi in più e spegnere direttamente il Webasto anche prima dei 76°C;
  • aspettare tot minuti e/o tot gradi di differenza prima di far ripartire il Webasto;
  • (nerd side) usare un approccio incrementale/retroattivo invece che una mappatura statica per regolare la velocità...

insomma c'è ampio margine di manovra e quindi di miglioramento. Al momento aggiorno la velocità ventole ogni 2,5 secondi ma posso anche aumentare o ridurre questo intervallo (ma non sotto il secondo, perché mi servono 0,6s per leggere la temperatura cellula con risoluzione 0,0625°C)

D'altronde, immaginati in situazione stabilizzata con ventole regolabili a mano: se la temperatura interna diventa eccessiva, non spegni il riscaldamento? E se senti freddo, non aumenti la velocità ventole? Alla fine questo processo è automatizzabile, il dubbio di cui parliamo è la definizione e l'implementazione, con eventuale taratura/affinamento, del transitorio attorno alla temperatura impostata.

PS: non so come rallenti le ventole, ma se non usi un PWM butti via della bella potenza e alla fine non pochi Ah...
Roberto
Laika Kreos 3002 (35C17-2005)
Torna in cima alla pagina

AlexF81
Iscritto 2 Nov 16
Meno di 50 messaggi

inviati - 05/01/2017 :  07:21:49  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Credo che un test "pesante" sia necessario. .. la prova in montagna sarà ottima per avere più informazioni di quelle che sono le caratteristiche dell'impianto . Farò il punto su come attualmente lavora il TT. ... poi vi aggiorno!
Torna in cima alla pagina

epsoncolor
Iscritto 14 Dic 08
Più di 500 messaggiPiù di 500 messaggiPiù di 500 messaggi

inviati - 05/01/2017 :  22:11:06  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Risposta a:
Messaggio di Nippon K inserito in data 04/01/2017  09:49:56 (Visualizza messaggio in nuova finestra)
Ciao se ho capito bene scia cercando il tubo che e' collegato alla parte terminale dell marmitta del Webasto?
Prova da Cusmai a Monza, un paio di anni fa' lo comperai da loro.

Giuseppe
Torna in cima alla pagina

Nippon K
Iscritto 4 Ott 15
Più di 100 messaggiPiù di 100 messaggi

inviati - 06/01/2017 :  00:20:01  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Risposta a:
Messaggio di epsoncolor inserito in data 05/01/2017  22:11:06 (Visualizza messaggio in nuova finestra)
Si esatto, il tubo in inox flessibile e allungabile che viene usato per portare i gas di scarico sul lato esterno del camper.
Grazie, sabato provo a chiamare per vedere se lo hanno.Sei stato gentilissimo 
buona befana a tutti e buoni km
Torna in cima alla pagina

Lupoartico
Iscritto 30 Lug 14
Più di 50 messaggi

inviati - 08/01/2017 :  03:13:33  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Complimenti ragazzi per la vostra competenza! Credo di essere all'età della pietra rispetto a voi.
In un altro post ho raccontato in breve il mio impianto ma non lo avevo testato nelle condizioni climatiche più avverse.
Ora posso dire che la mia creatura ha superato una prova molto seria con i -18 di Monginevro di questi giorni.(camper di 7.33 mt)
Ventole regolate non al massimo il TTC ha svolto mooolto bene il suo lavoro alpunto che ho preferito tenere acceso il Thermo top e non l'air top 3900
Unico difetto la rumorosità delle ventole che comunque si supera regolandole alla media portata.
Non so se sovrapporre due ventole possa andare bene, perchè prob.si creerebbero dei vortici in più che incrementerebbero senz'altro il rumore senza un reale beneficio.
Credo che l'aria non debba necessariamente essere veloce nel passare attraverso i radiatori, ma penso sia meglio avere un flusso  lento ma di notevole portata per dar modo alle particelle di aria di "caricarsi di calore".
Altro dubbio che mi è sorto nell'osservare sul campo il funzionamento dell'impianto , è quello relativo all'utilizzo del termostato. Con temperature molto basse ho constatato che sarebbe meglio non utilizzarlo, cosìcome l'ho configurato io ,  perchè al raggiungimento della temperatura impostata il Web si spegne completamente e prima che si riaccenda passano svariati minuti durante i quali, l'acqua comincia  a raffreddarsi per effetto del continuo funzionamento delleventole,  e l'aria che ne esce è praticamente fredda.Il repentino abbassamento della temperatura impone al web di raccendersi quasi subito con notevole aumento di energia e carburante.
Per questo motivo ho pensato eventualmente di collegare anche  le ventole al termostato in modo che all'arresto del Webasto coincida l'arresto di tutte le ventole e si annulli parzialmente l'effetto fisarmonica caldo -freddo. La soluzione prospettata da Bob Plissken   è per palati fini , io mi accontenterei di una gestione della temperatura più alla cruda.
Avrei un suggerimento per lo spurgo, ma temo si possa adottare solo per i circuiti indipendenti dal motore come il mio. In pratica ho forzato nel circuito l'acqua del rubinetto  staccando un tubo di un radiatore e collegandone l'estremità libera con  una normale gomma di carico d'acqua. Facendo fluire dentro il circuito l'acqua sottopressione ho eliminato tutte le bolle d'aria .Dopo tale operazione ho preparato un quantitativo preciso di glicole  puro (50% del totale , circa 2.5 litri) che ho incominciato a versare nella vaschetta di espansione, avendo cura di eliminare una pari quantità di acqua attraverso la valvola di spurgo. Naturalmente questa seconda operazione è stata condotta con webasto acceso e con l'aiuto di mio figlio. Ho dovuto procedere in questo modo perchè con l' utilizo della sola valvola di spurgo ho impiegato ore di lavoro senza risultati. Con l'aria nel circuito la pompa dell'acqua faceva notevole rumore e il bruciatore non partiva.
Due domande stupide  per Enzo ...
1) mettendo un raccordo a T nel circuito secondo quale modalità si smista l'acqua 50%+50% o ci sono dei fattori  che condizionano i flussi ?
2)Una sola elettrovalvola garantisce il totale isolamento dei circuiti in parallelo, oppure è necessario metterne due per raggiungere tale condizione?
Ciao a tutti
Lupoartico
Torna in cima alla pagina

epsoncolor
Iscritto 14 Dic 08
Più di 500 messaggiPiù di 500 messaggiPiù di 500 messaggi

inviati - 08/01/2017 :  11:19:48  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Risposta a:
Messaggio di Nippon K inserito in data 06/01/2017  00:20:01 (Visualizza messaggio in nuova finestra)
Ciao spero che tu abbia trovato quelo che ti serve.

Giuseppe
Torna in cima alla pagina

Fux74
Iscritto 27 Set 15
Meno di 50 messaggi

inviati - 08/01/2017 :  23:36:57  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Risposta a:
Messaggio di Lupoartico inserito in data 08/01/2017  03:13:33 (Visualizza messaggio in nuova finestra)
Ciao Lupoartico,
in questi giorni ero anch'io nell' area di sosta del Monginevro ma non ho potuto sfruttare il webasto credo per una mia superficialità e qui chiedo aiuto  @enzo44. Sono partito da casa con il Thermotop acceso e funzionante, arrivato a destinazione tutto è proseguito correttamente e la prima sera e notte sono andate tranquille con il thermotop a farla da padrone e la Truma ad intermittenza (mi serve per scaldare gavone bagno e ghigliottine). Purtroppo l'indomani il webasto è andato in blocco e qui credo sia colpa mia nel senso che ho fatto il pieno a casa e non ho messo nessun additivo nel gasolio.Ad ogni tentativo di avvio sentivo la pompa andare faceva tutta la prima parte di accensione fumando leggermente bianco da subito e fino alla fase con la ventola interna al massimo che però dopo pochi secondi andava in blocco spegnendo tutto e facendo una incredibile fumata bianca. Non ho forzato la mano e mi sono rassegnato ad utilizzare solo la truma (cercavo di risparmiare Gas..) Due giorni dopo, spostando il camper mi si è accesa la spia dell'acqua nel filtro gasolio ed è in quel momento che ho immaginato che il problema fosse nel carburante. Una volta ripartito per tornare a casa, a motore caldo la spia si è spenta, e fatta una prova a motore caldo, con temperatura esterna sopra lo zero ed in pianura, il webasto è partito senza problemi al primo colpo. Oggi ho fatto le pulizie nel camper ed ha funzionato per tutto il pomeriggio senza esitazioni.

Premesso che bolle d'aria nel tubo di alimentazione non se ne vedevano, poteva essere un problema di gasolio/temperatura? Altitudine?Fra 15 gg tornerò in montagna, avete consigli su che additivo usare, vorrei evitare di mettere benzina nel gasolio perhè ho paura di inchiodare gli iniettori. 

L'impianto, in continua evoluzione, è similare al tuo, ovvero il termostato accende e spegne il webasto mentre la ventola soot la dinette l'ho collegata ad un clickson a 40° posto sui tubi ed in serie ad un regolatore PWM In questo modo funziona solo finchè l'acqua è calda. Ho notato (dagli sfarfallii di una lampada a led) che il web era notevolmente sollecitato in continui riavvii e quindi credo che il termostato lo collegherò alle ventole in modo da tenere il thermotop sempre acceso e modulante. Ho già bruciato la prima ventola PWM da 120 per computer. I 4 fili mi hanno mandato in confusione... Ora ne ho prese altre due non PWM e con soli tre cavi ho una probabilità in meno di bruciarle ;-)
Ciao, Fabio EV 9.1
Torna in cima alla pagina

Lupoartico
Iscritto 30 Lug 14
Più di 50 messaggi

inviati - 10/01/2017 :  16:25:56  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Risposta a:
Messaggio di Fux74 inserito in data 08/01/2017  23:36:57 (Visualizza messaggio in nuova finestra)
Ciao Fux
Credo che il problema fosse proprio il carburante ma per sicurezza attendi la risposta del guru...
Per evitare qualsiasi noia quando vado a sciare ,  non solo metto gasolio in pianura aggiungendo comunque  l'adittivo ,ma  porto anche dei flaconi di riserva nel caso di bisogno , inoltre cerco di salire con il carburante contato perchè poco oltre Oulx faccio il pieno totale di carburante in modo da averne a sufficienza per il webasto durante i giorni di permanenza. Ma credo che tu queste cose le sappia bene...
Probabilmente tra due settimane salirò anch'io,  terrò le orecchie dritte per individuare la dolce musica del tuo Web e magari scambiarci informazioni a quattr'occhi.
Buona giornata
Lupoartico
Torna in cima alla pagina

Nippon K
Iscritto 4 Ott 15
Più di 100 messaggiPiù di 100 messaggi

inviati - 10/01/2017 :  21:43:18  Mostra il profilo  Rispondi citando il messaggio
Risposta a:
Messaggio di epsoncolor inserito in data 08/01/2017  11:19:48 (Visualizza messaggio in nuova finestra)
Ciao epsoncolor, no purtroppo non ancora, sto aspettando una risposta da un conce qui vicino che dovrebbe portamento uno lui. Quello originale webasto lo fanno pagare 35€ al mt !! E visto che me ne servirebbero 2 mt vorrei evitare di spendere così tanto, in proporzione mi costa di più il tubo di tutto il resto
tu sai dove potrei trovarlo?
Torna in cima alla pagina
   Topic 
Pagina: di 4
Attenzione: La parte iniziale di questa discussione é stata spostata in archivio.
 Nuovo argomento     Rispondi all'argomento
 Segnala un abuso     Stampa
CamperOnSale.it
WEBASTO KIT RISCALDATORE WEBASTO AT2000 ...
Kit costituito dal riscaltore Webasto A...
SostaGruppiCompagniItaliaEsteroMarchiMeccanicaCellulaAccessoriEventiLeggiComportamentiDisabiliIn camper perAltro camperAltroExtra
I Forum di CamperOnLine.it Snitz Forums 2000 © 1998-2017 CamperOnline.it Go To Top Of Page
Camper nuovi disponibili in pronta consegna
612 nuovi in pronta consegna

Camper usati e d'occasione
UsatoKm.0Nuovo
Post noleggioConto vendita

Accessori in primo piano
FIAMMA VENT F PRO OBLO' MM. 400X400
NOVITA' 2017!!! Da Fiamma, nuovo oblò d'alta ...
www.camperonsale.it
MOLLA A GAS TELESCOPICA
Lunghezza mm. 900 - Forza 200 N (cod. 6000119...
www.camperonsale.it
Ritorno alla pagina precedente COL Magazine, per approfondire i temi dei viaggi in camper CamperOnLine.it, tutte le informazioni in rete per il turista pleinair Il tuo prossimo camper nuovo o usato ti sta aspettendo qui CamperOnSale CamperOnRent
Ritorno all'inizio di questa pagina